Le Cronache della Folgoluce Wiki
Advertisement
Le Cronache della Folgoluce Wiki
Capitolo precedente Saliva e bile Capitolo successivo
Folgoeletti Ponti


Punto di Vista: Dalinar Kholin
ambientazione: Pianure Infrante, il Pinnacolo

Epigrafe[]

Il mio sentiero è stato scelto in modo molto intenzionale. Sì, concordo con tutto ciò che hai detto su Rayse, incluso il grave pericolo che rappresenta.

Trama[]

Arguzia: «Farò quello che posso per aiutare e, per quel motivo, devo andare. Non posso rischiare troppo, poiché se lui mi trova, diventerò nulla: un’anima lacerata e fatta a pezzi che non può essere rimessa assieme. Quello che faccio qui è più pericoloso di quanto possiate mai sapere.»
Dalinar: «Arguzia»
Arguzia: «Sì?»
Dalinar: «Chi è che dovrebbe trovarti?»
Arguzia: «Quello che voi combattete, Dalinar Kholin. Il padre dell’odio.»
— Arguzia e Dalinar, Parole di Luce capitolo 67

Dalinar e Navani si stanno recando al nuovo banchetto organizzato da Elhokar. Navani parla delle nuove ricerche sui fabrial ma lo spinanera le presta poca attenzione: la sua mente è concentrata sui preparativi per la spedizione, ormai imminente[1][2][3]

Arrivati alla festa, Dalinar nota un comportamento alquanto insolito perfino per gli occhichiari e una conversazione con Vamah conferma i suoi sospetti: le spie di Sadeas non solo hanno rubato e distribuito a tutti i luminobili le registrazioni di Navani delle esperienze mistiche di Dalinar, ma le hanno anche modificate opportunamente per ridicolizzare lo Spinanera.

Dalinar inizialmente è furioso per la mossa infame di Sadeas ma dopo aver parlato con la stessa Navani e con Amaram, il patriarca dei Kholin passa al contrattacco: non solo conferma pubblicamente la verdicità delle visioni ma annuncia che d'ora in poi le successive non saranno secretate.

Dopo una lunga serata, passata a chiedere adesioni e supporto per la spedizione e a rispondere a domande sulle visioni, Dalinar è esausto. Arguzia gli si avvicina e si complimenta con lui per ciò che ha fatto. I due discutono a proposito della tirannia e di Alethkar e alla fine Arguzia si congeda da Dalinar dicendogli che deve essere in un certo luogo anche se non sa la ragione[4]. Dalinar non resiste e chiede ad Arguzia se lui sia un Araldo o un Cavaliere Radioso ma l'uomo nega, piuttosto divertito, entrambe le ipotesi. Arguzia saluta lo Spinanera dicendo che farà il possibile per aiutare e lo mette in guardia sul padre dell'odio.

Personaggi[]

Apparsi[]



Menzionati[]



Luoghi e termini menzionati[]


Note[]

  1. Navani cattura l'attenzione del suo amato rivelandofli di un'importante svolta nelle ricerrche sulle stratolame. Rushu ha infatti compreso che la gemma incastonata nel pomo delle Lame non è davvero necessaria per vincolare queste armi. Una scoperta che azzera decenni e decenni di teorie e speculazioni
  2. La conversazione scivola per un momento su Jasnah e Dalinar, dalle parole di Navani, capisce che la donna non pianse la morte del marito sei anni prima.
  3. La partenza è fissata a "meno di una settimana"
  4. Ma il lettore avrà modo di scoprirlo

Curiosità[]

  • Mancano undici giorni alla fine del conto alla rovescia
Parole di Luce - Libro II

Prologo: Dubitare
Cap 1: Il Santhid
Cap 2: Ponte Quattro
Cap 3: Lo schema
Cap 4: Custode di segreti
Cap 5: Ideali
Cap 6: Terribile distruzione
Cap 7: Fiamma libera
Cap 8: Coltelli nella schiena – soldati sul campo
Cap 9: Camminare in una tomba
Cap 10: Un tappeto rosso un tempo bianco
Cap 11: Un’illusione della percezione
Cap 12: Eroe
I-1: Narak
I-2: Ym
I-3: Rysn
I-4: L’ultima legione
Cap 13: Il capolavoro del giorno
Cap 14: Ferroposa
Cap 15: Una mano con la torre
Cap 16: Maestro spadaccino
Cap 17: Uno schema
Cap 18: Lividi
Cap 19: Cose sicure
Cap 20: La freddezza della chiarezza
Cap 21: Ceneri

Cap 22: Luci nella tempesta
Cap 23: Assassino
Cap 24: Tyn
Cap 25: Mostri
Cap 26: La piuma
Cap 27: Invenzioni per distrarre
Cap 28: Stivali
Cap 29: Regola di sangue
Cap 30: La natura arrossisce
Cap 31: La quiete prima
Cap 32: Colui che odia
Cap 33: Fardelli
Cap 34: Boccioli e torte
I-5: Il cavalcatempeste
I-6: Zahel
I-7: Taln
I-8: Una forma di potere
Cap 35: La tensione multipla dell’infusione simultanea
Cap 36: Una donna nuova
Cap 37: Una questione di prospettiva
Cap 38: La tempesta silenziosa
Cap 39: Eterocromatico
Cap 40: Palona
Cap 41: Cicatrici
Cap 42: Semplici vapori
Cap 43: I sanguispettri
Cap 44: Una forma di giustizia
Cap 45: Festa di mezzo
Cap 46: Patrioti

Cap 47: Astuzie femminili
Cap 48: Niente più debolezze
Cap 49: Guardare il mondo che si trasforma
Cap 50: Gemme grezze
Cap 51: Eredi
Cap 52: Nel cielo
Cap 53: Perfezione
Cap 54: La lezione di Veil
Cap 55: Le regole del gioco
Cap 56: Spinabianca liberato
Cap 57: Uccidere il vento
Cap 58: Mai più
I-9: Lift
I-10: Szeth
I-11: Ritmi nuovi
Cap 59: Celere
Cap 60: Veil cammina
Cap 61: Obbedienza
Cap 62: Colui che uccise le promesse
Cap 63: Un mondo in fiamme
Cap 64: Tesori
Cap 65: Chi lo merita
Cap 66: Folgoeletti
Cap 67: Saliva e bile
Cap 68: Ponti
Cap 69: Nulla
Cap 70: Da un incubo
Cap 71: Veglia

Cap 72: Ragioni egoistiche
Cap 73: Mille creature zampettanti
Cap 74: A cavallo della tempesta
Cap 75: Vera gloria
I-12: Lhan
I-13: Un ruolo da giocare
I-14: Taravangian
Cap 76: La lama nascosta
Cap 77: Fiducia
Cap 78: Contraddizioni
Cap 79: Verso il centro
Cap 80: Combattere la pioggia
Cap 81: L’ultimo giorno
Cap 82: Per gloria illuminata
Cap 83: L’illusione del tempo
Cap 84: Colui che salva
Cap 85: Inghiottito dal cielo
Cap 86: Motivi di luce
Cap 87: Gli spruzzi
Cap 88: L’uomo che possedeva i venti
Cap 89: I Quattro
Epilogo: Arte e aspettativa



Advertisement