FANDOM


Mythica è un libro scritto da Hessi e che tenta di descrivere e catalogare i Disfatti a partire dai racconti e dalle tradizioni esistenti su Roshar.

Hessi afferma che i Disfatti erano probabilmente degli spren primordiali e che ne esistevano almeno nove. Essi si scatenavano durante le Desolazioni e nonostante i racconti affermino che furono tutti annientati durante Aharietiam, Hessi è convinta che siano sopravvissuti e che ancora oggi vaghino indisturbati lungo il continente.

Storia Modifica

Shallan trova il libro mentre si trova a Kholinar. Lo usa per scoprire che ci sono due Disfatti all'interno della città: Sja-anat e Ashertmarn. A detta di Shallan il libro non ha avuto una buona accoglienza nel mondo accademico ed è stato per lo più ignorato.[1]

Passaggi conosciuti Modifica

  • La mia ricerca sui Disfatti mi ha convinto che questi non erano semplicemente “spiriti del nulla” o “nove ombre che si muovevano nella notte”. Ciascuno era un tipo specifico di spren, dotato di vasti poteri.

– Dal Mythica di Hessi, pagina 3[2]
  • Ho fatto del mio meglio per separare i fatti dalla finzione, ma i due si mischiano come vernice quando si tratta dei Nichiliferi. Ciascuno dei Disfatti ha una dozzina di nomi e i poteri a loro ascritti vanno dall’imprevedibile al terrificante.
– Dal Mythica di Hessi, pagina 4[3]
  • Dovrei far notare che, anche se a loro vengono ascritte molte personalità e motivazioni, sono convinto che i Disfatti fossero comunque spren. Come tali, erano tanto manifestazioni di concetti o forze divine quanto individui.
– Dal Mythica di Hessi, pagina 7[4]
  • Il punto più importante che voglio dimostrare è che i Disfatti sono ancora tra noi. Mi rendo conto che questo sarà oggetto di dibattito, dato che molta della tradizione che li circonda è intrecciata con la teologia. Comunque, per me è evidente che alcuni dei loro effetti sono comuni nel mondo, e noi li trattiamo semplicemente come faremmo con le manifestazioni di altri spren.
– Dal Mythica di Hessi, pagina 12[5]
  • Taxil menziona Yelig-nar, chiamato Putrivento, in una citazione riportata spesso. Anche se è noto come Jasnah Kholin ne abbia messo in discussione l’accuratezza, io ci credo.

– Dal Mythica di Hessi, pagina 26[6]
  • Yelig-nar aveva grandi poteri, forse quelli di tutti i Flussi combinati in uno. Poteva trasformare qualunque Nichilifero in un nemico oltremodo pericoloso. Curiosamente, tre leggende che ho trovato menzionano di ingerire una gemma per avviare questo procedimento.
– Dal Mythica di Hessi, pagina 27[7]
  • Si dice che Yelig-nar consumi le anime, ma non riesco a trovare una spiegazione specifica. Non sono certo che questa credenza sia corretta.

– Dal Mythica di Hessi, pagina 51[8]
  • Tra i Disfatti, Sja-anat era la più temuta dai Radiosi. Parlavano ampiamente della sua capacità di corrompere gli spren, anche se solo spren “inferiori”, qualunque cosa ciò significhi.
– Dal Mythica di Hessi, pagina 89[9]
  • La tradizione suggeriva di lasciare una città se lo spren lì presente cominciava a comportarsi in modo strano. Curiosamente, Sja-anat era spesso considerata un individuo, mentre altri – quali Moelach o Ashertmarn – erano visti come forze.
– Dal Mythica di Hessi, pagina 90[10]
  • Nergaoul era noto per far cadere preda le armate di una rabbia di battaglia, infondendo loro una grande ferocia. Curiosamente, lo faceva con entrambi i poli di un conflitto, Nichiliferi e umani. Questo sembra comune tra gli spren meno consapevoli di sé.
– Dal Mythica di Hessi, pagina 121[11]
  • Sono convinto che Nergaoul sia ancora attivo su Roshar. I resoconti sull’“Eccitazionealethi in battaglia corrispondono troppo bene ad antiche registrazioni, incluse le visioni di nebbia rossa e creature morenti.
– Dal Mythica di Hessi, pagina 140[12]
  • Moelach è molto simile a Nergaoul, anche se, invece di ispirare rabbia da battaglia, sembra conceda visioni del futuro. In questo, tradizione e religione si allineano. Vedere il futuro ha origine con i Disfatti ed è proprio del nemico.
– Dal Mythica di Hessi, pagina 143[13]
  • Si diceva che Moelach concedesse visioni del futuro in tempi diversi, ma più comunemente ai punti di transizione tra i reami. Quando un’anima si stava avvicinando alle Sale della Tranquillità.
– Dal Mythica di Hessi, pagina 144[14]
  • Molte culture parlano dei cosiddetti Rantoli di morte che a volte si impadroniscono delle persone mentre muoiono. La tradizione li ascrive all’Onnipotente, ma trovo che molti siano apparentemente profetici. Sono certo che questa sarà la mia affermazione più controversa, ma penso che siano gli effetti di Moelach che persistono nei nostri tempi attuali. È facile provarlo: l’effetto è regionalizzato e tende a muoversi per Roshar. È dovuto al girovagare del Disfatto.
– Dal Mythica di Hessi, pagina 170[15]
  • Ashertmarn, il Cuore della Baldoria, è l’ultimo dei tre grandi Disfatti senza mente. Il suo dono agli uomini non è la profezia o la concentrazione in battaglia, ma un desiderio di appagamento. In effetti, la grande dissolutezza registrata nella corte di Bayala nel 480 – che portò al crollo della dinastia – potrebbe essere attribuibile all’influenza di Ashertmarn.
– Dal Mythica di Hessi, pagina 203[16]
  • Trovo che Ba-Ado-Mishram sia la più interessante dei Disfatti. Si dice che abbia una mente acuta, un’altaprincipessa tra le forze nemiche e loro comandante durante alcune delle Desolazioni. Non so come questo sia correlato all’antico dio del nemico chiamato Odio.
– Dal Mythica di Hessi, pagina 224[17]
  • Ci sono poche informazioni su Ba-Ado-Mishram in tempi più recenti. Posso solo presumere che lei, a differenza di molti di loro, sia tornata alla Dannazione o sia stata distrutta durante Aharietiam.
– Dal Mythica di Hessi, pagina 226[18]
  • Chemoarish, la Madre della Polvere, ha alcune fra le tradizioni più variegate che la circondano. Tale ricchezza rende estremamente difficile separare bugie da verità. Credo che lei non sia la Guardiana della Notte, contrariamente a ciò che affermano alcune storie.
– Dal Mythica di Hessi, pagina 231[19]
  • Re-Shephir, la Madre di Tenebra, è un altro Disfatto che sembra essere stato distrutto ad Aharietiam.
– Dal Mythica di Hessi, pagina 250[20]
  • La Madre di Tenebra creava mostri di ombra e olio, scure imitazioni di creature che vedeva o consumava. La loro descrizione non corrisponde a nessuno spren che io riesca a trovare nella letteratura moderna.
– Dal Mythica di Hessi, pagina 252[21]
  • Non ci vorrà un lettore attento per riscontrare che qui ho elencato solo otto dei Disfatti. La tradizione è convinta che ce ne fossero nove, un numero sacrilego, asimmetrico e spesso associato al nemico.
– Dal Mythica di Hessi, pagina 266[22]
  • La mia convinzione è che esistono nove Disfatti. Ci sono molte leggende e nomi che potrei aver male interpretato, fondendo due Disfatti in uno. Nella prossima parte, discuterò le mie teorie in proposito.
– Dal Mythica di Hessi, pagina 266[23]
  • Se ho ragione e la mia ricerca è vera, allora resta la domanda. Chi è il nono Disfatto? È veramente Dai-Gonarthis? Se così fosse, le sue azioni avrebbero davvero potuto causare la completa distruzione di Aimia?
– Dal Mythica di Hessi, pagina 307[24]


Fonti Modifica

Epigrafi
La Via dei Re Rantoli della MorteLa Lettera (La Via dei Re)Appunti di Jasnah Kholin
Parole di Luce Diario personale di Navani KholinCanti degli AscoltatoriParole di LuceLa Lettera (Parole di Luce)Il Diagramma
Giuramento GiuramentoLa prima lettera (Giuramento)La seconda lettera (Giuramento)La terza lettera (Giuramento)Archivio delle gemme di UrithiruMythica di HessiStele di Eila


I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.