Le Cronache della Folgoluce Wiki
Advertisement
Le Cronache della Folgoluce Wiki
Hoid
Hoid.png

Fan-art di BotanicaXu [1]

Status personale
Status

Vivo

Prima apparizione

La Via dei Re, capitolo 12

Ultima apparizione

Parole di Luce, Epilogo

Alias
  • Arguzia
  • Errante
  • Polvere
  • Lunu'anaki
  • Cephandrius
  • Midius [1]
Nazionalità

Yolen

Poteri
Caratteristiche fisiche
Razza

Umana

Sesso

Maschio

capelli

Bianchi

occhi

azzurri


Poiché non sono mai stato dedito a uno scopo più importante, e i pilastri stessi del cielo tremeranno con gli esiti della nostra guerra qui.

–Hoid, La lettera

Hoid è un personaggio ricorrente del Cosmere, essendo apparso in quasi tutti i romanzi e racconti dedicati al Cosmoverso. Nonostante ciò, il suo coinvolgimento nelle storie è marginale, agendo perlopiù dietro le quinte degli eventi in corso, e la sua identità è spesso celata dalla sua grande abilità nei travestimenti. Su Roshar, prima della Vera Desolazione, assunse per un certo tempo il ruolo di Arguzia del Re entrando così a far parte della corte di Elhokar

I motivi che muovono Hoid sono sconosciuti anche se afferma di star perseguendo una guerra contro Rayse e Bavadin.  

Aspetto e Personalità[]

L'aspetto di Hoid varia notevolmente da libro a libro. È spesso mascherato, il che rende difficile accertare il suo vero aspetto. Hoid ha un volto da freccia, con naso e mascella dai tratti affillati, e i capelli bianchi[2].

Alla corte Alethi, Hoid si presenta come un uomo alto e magro, con i capelli neri e gli occhi azzurri. E' solito indossare una rigida giacca nera con pantaloni neri, e porta una spada lunga e sottile legata in vita[3] anche se sembra non averla mai estratta.

La vera personalità di Hoid, è quasi sempre celata dalla parte che sta recitando. Hoid adora beffarsi degli altri e non di rado interpreta personaggi dalla lingua tagliente e facili al sarcasmo. Nonostante ciò, Hoid dimostra di possedere un animo gentile e sopratutto una grande intelligenza. Le rare volte in cui si mostra veramente la sua personalità sembra spesso grave e misteriosa.[4][5]

Inoltre ha un certo fascino per l'arte e lui stesso è un ottimo musicista e un abile cantastorie, come dimostra mentre narra a Kaladin le storie di Derethil e della Velabonda[4].

Storia[]

Origini[]

Hoid è stato coinvolto i quasi tutti i principali eventi della storia del Cosmoverso ed è il secondo personaggio più antico visto finora dopo Frost. [6] Era originariamente umano, ma è cambiato abbastanza che, quando gli viene chiesto, Sanderson afferma che adesso è qualcosa di "complicato".[7] La sua origine verrà rivelata nella serie Dragonsteel quindi si crede comunemente che Hoid sia originario di Yolen. Ha anche una "base segreta" da qualche parte nel Cosmoverso.[8]

Ne "La Via dei Re", afferma di aver rubato il nome a qualcuno che avrebbe dovuto amare[4]. Nella Lettera di Parole di Luce, Frost chiede se Hoid non si stia ancora nascondendo dietro il nome del suo vecchio maestro.

La Via dei Re[]

Sono venuto nella vostra terra per inseguire una vecchia conoscenza, ma invece finisco per passare molto del mio tempo nascondendomi da lui.

–La Via dei Re, capitolo 57

Intorno al 1173, Hoid riuscì a diventare il nuovo Arguzia di Elhokar[3] e sin da subito si distinse, oltre che per la sua sagacia, anche per le "cose utili" che conosceva.

Hoid partecipò alla caccia all'abissale organizzata dal sovrano, dopo un primo momento in cui si prende gioco di Adolin e Renarin, l'uomo scompare per qualche ora, giustificandosi poi con il Re con il fatto che aveva delle "cose da fare in giro"[9].

Nelle settimane successive, Hoid partecipò regolarmente ai banchetti di Elhokar, dilettandosi a tormentare gli ospiti occhichiari. Solo con Dalinar, l'uomo sembrava mantenere un rapporto basato sul rispetto; in più di un'occasione metterà l'altoprincipe in guardia dai pettegolezzi di corte e dalle manovre di Sadeas.

E Kaladin la vide con l'occhio della mente. La massiccia nave all'improvviso minuscola davanti allo stupefacente potere di un'altempesta. Soffiata e trascinata nel mare sconfinato. - La Via dei Re, capitolo 57 (Opera di Ryland Malcom)

Una sera, ai margini dei campi alethi, Hoid incontrò un giovane pontiere tormentato da dubbi ed incertezze e lo invitò a condividere il tepore del suo fuoco e ad ascoltare una vecchia storia. I due discussero sul significato del racconto e alla fine, Hoid, approfittando del turbamento di Kaladin si congedò, regalandogli il suo flauto e pregandolo di comunicare a Sigzil che è stato promosso[4].

Abbandonate le Pianure Infrante, Hoid ricomparì qualche tempo dopo alle porte di Kholinar, in tempismo perfetto per osservare il ritorno di Taln, l'Araldo della Guerra, che annunciava il ritorno della Desolazione. Hoid mise in luce come l'Araldo fosse in ritardo e lo chiamò addirittura "vecchio amico"[10]

Parole di Luce[]

Non dovete fidarvi di me. Se dovrò guardare questo mondo sgretolarsi e bruciare per ottenere ciò che mi occorre, lo farò. Con lacrime, sì, ma lo lascerei accadere.

–Hoid , Parole di Luce, capitolo 67

Bordin, il più fidato servitore di Dalinar, si occupò del trasporto del misterioso stratoguerriero alle Pianure e Hoid decise di accompagnarlo. A viaggio iniziato però, Arguzia abbandonò il convoglio dileguandosi tra le colline "come un folgorato mangiacorno"[11]

"Essere umani è cercare la bellezza, Shallan. Non disperatevi, non terminate la ricerca perché delle spine crescono sul vostro cammino." - Parole di Luce, capitolo 45 (Opera di Marie Seeberger - Instagram)

Hoid riapparve nelle Pianure in occasione di un appuntamento tra Adolin e Shallan. L'uomo aveva "sostituito" il cocchiere di Adolin e accompagnò Kaladin per tutto il viaggio verso il campo di Sebarial, prendendosi gioco di lui e del fatto che avesse smarrito il suo flauto. Giunti al destinazione,sotto gli occhi sgomenti di Kaladin e Adolin, Shallan abbracciò Arguzia e lo ringraziò per "quella volta"[12].

Dileguatosi nuovamente, Hoid visita Kaladin durante la sua breve permanenza nelle prigioni dei Kholin. Hoid racconta all'ex-pontiere il mito di Celere, lasciando ancora un volta al suo interlocutore il compito di trarre le conclusioni[13]

Hoid partecipò quindi al banchetto in cui le visioni di Dalinar divennero di pubblico dominio L'uomo vede il vecchio Spinanera passare al contrattacco degli uomini che lo deridevano e lo dileggiavano e, a fine serata, arrivò a congratularsi con lui del suo operato. Dalinar tuttavia è turbato: sa' che il suo comportamento è degno di un tiranno. Hoid lo rincuorò e alla fine gli rivelò che era costretto di nuovo a lasciare le Pianure. Dalinar gli domandò allora se fosse un Araldo o un Radioso, ma Hoid negò in entrambi i casi. Gli promise quindi che in futuro farà il possibile per aiutarlo ma che per il momento deve andare per evitare che il loro comune nemico lo trovi[14].

Hoid riuscì a localizzare il punto esatto in cui Jasnah Kholin fece ritorno dal reame cognitivo: un luogo sperduto tra le Colline Indipendenti a una settimana di cammino dal primo insediamento umano[15]. Jasnah è preoccupata per l'imminente ritorno dei Nichiliferi ma Hoid la disillude, dicendole che tutto è già compiuto. Jasnah capisce che forse l'attenderà una chiacchierata più interessante del previsto e i due s'incamminano quindi verso Urithiru.

Danzafilo[]

Mentre Lift si reca al Grande Indicium ricorda con affetto un certo "Capellibianchi" che le aveva insegnato che "non si può essere rozzi finché si parla di arte". A Marabethia l'uomo - "pazzo come una cassa piena di visoni ubriachi"- si era fatto inghiottire intenzionalmente da un granguscio, facendo l'occhiolino alla ragazzina prima di saltare nelle fauci spalancate della creatura[16].

Giuramento[]

Hoid: «Stai attenta a chiunque sostenga di poter vedere il futuro, Shallan.»
Shallan: «Tranne te, naturalmente. Non hai detto di poter vedere dove c’è bisogno di te?»
Hoid: «Stai attenta a chiunque affermi di poter vedere il futuro, Shallan.»
— Hoid e Shallan, Giuramento, capitolo 68

Dopo aver viaggiato con Jasnah, Hoid si recò a Kholinar perché "c'era bisogno di lui" anche se lo stesso worldhopper non aveva idea cosa dovesse fare. Portò ad Azure un carro pieno di lamine di alluminio e la avvertì di animutare soltanto in una stanza ricoperta di quel metallo, perché avrebbe impedito agli spren urlatori di percepirli[17].

Hoid passò quindi le settimane successive a raccontare storie nelle strade finché non incontrò Shallan Davar, giunta in città insieme al gruppo di infiltrazione. I due pranzarono insieme e Hoid spiega alla ragazza come unirsi al Culto dei Momenti che gli ricordava "un gruppo che conobbi molto tempo fa. Ugualmente pericoloso, ugualmente incosciente"[18].

Successivamente, aiuta Shallan -distrutta psicologicamente dall'aver scoperto che il cibo donato ai poveri aveva solo peggiorato le cose- a trovare un equilibrio e a rimettersi in piedi[19].

Quando la città viene conquistata dai Nichiliferi, Hoid si nasconde tra la massa di mendicanti in città. Provoca un uomo per farsi picchiare e perdere un dente e usa il Risveglio biocromatico per allontanare un bambino dal cadavere della madre e affidarlo alla cure di un'altra famiglia di umani. Quindi si dirige alla rovine del palazzo reale dove salva uno spren, il criptico che stava legando Elhokar prima di morire, dai Coalescenti[20].

Al termine della battaglia di Thaylen, Jasnah usa dei ritratti degli Araldi, donati da Hoid, per intercettare Shalash e Talenel e impedirgli di lasciare la città con la Giuriporta. Mentre Shalash sviene, colpita dal dolore della morte di Jezrien, si chiede perché "Midius" abbia rivelato i loro volti a quella donna[21].

Capacità[]

Le tue capacità sono ammirevoli, ma sei semplicemente un uomo. Hai avuto la tua opportunità per essere qualcosa di più e l’hai rifiutata.

–Concessione, Giuramento, capitolo 38 - epigrafe

Hoid non può facilmente uccidere le persone "a causa di certe cose nel suo passato".[22] Roccia afferma che Lunu'anaki non può ferire l'uomo perché è proibito dagli altri dei.[23] Dice anche a un giovane Shallan: "Non dovete aver paura di me. Sono terribilmente incapace di far del male alla gente. Do la colpa al modo in cui sono stato allevato"[24]. Il solo pensare di danneggiare qualcuno, lo rende nauseato al punto da renderlo inerme. Tuttavia, questo si estende solo al trauma fisico. Hoid non ha problemi a ferire mentalmente qualcuno o a causa dell'inazione[25].

Hoid non ha ancora le capacità di ogni pianeta che ha visitato.[26] Alcuni dei suoi poteri sono antecedenti alla Frantumazione.[27] Hoid è preoccupato di aprirsi all'influenza dei Frammenti, quindi ottiene l'accesso alle manifestazioni di Investitura solo in modi più convenzionali.[28]

Tessiluce Yolish[]

Hoid ha accesso alla capacità di creare illusioni ottiche e uditive (in maniera simile ai Tessiluce) che esisteva su Yolen prima della Frantumazione[29]. Queste capacità sono molto meno restrittive del Flusso di Illuminazione di Roshar perché non richiede uno spren o la Folgoluce per funzionare[29], ma ancora hanno dei limiti e Hoid ha difficoltà a far funzionare alcuni aspetti, anche dopo più tentativi[30].

Worldhopping[]

Hoid viaggia tra vari pianeti all'interno del Cosmoverso facendo uso di Perpendicolarità. E' molto abile nel viaggiare nel regno cognitivo, anche nei subastrali pericolosi come quello di Sel; è noto per essere a conoscenza delle posizioni delle perpendicolarità su Scadrial[25], Sel, Roshar, e Nalthis[31].

Longevità[]

Altri uomini… invecchiando diventano semplicemente più strani. Io temo di essere uno di quelli. Io sono le ossa di una specie straniera lasciate a seccare sulla pianura che molto tempo fa era un mare. Una curiosità, forse un promemoria che tutto non è sempre stato com’è ora.

–Giuramento, capitolo 68

Hoid ha vissuto per molti più anni di quanto qualsiasi essere umano mortale sarebbe in grado di vivere.[32] È noto che questa immortalità proviene da alcuni resti dell'arma che le sedici persone costruirono per uccidere Adonalsium.[33] Inoltre, Hoid non ha effettivamente sperimentato tutti quegli anni[34], facendo invece uso di una tecnica di dilatazione del tempo che può renderlo in qualche modo incosciente o inconsapevole.[35] Tuttavia, Hoid non ha la capacità di viaggiare indietro nel tempo.[36]

Fattore curativo[]

Hoid ha accesso a una sorta di fattore di guarigione potenziato in grado di riparare anche a colpi mortali come una decapitazione o a ferite di Stratolama[37]. quando Jasnah estrae minacciosamente la propria stratolama, Hoid non appare minimamente preoccupato e la schernisce dubitando della sua efficacia[15]. Hoid è in grado di reprimere il suo fattore di guarigione in qualche modo, prevenendo la guarigione istantanea e mantenendo le apparenze dei suoi travestimenti[38].  Il nome della manifestazione d'Investitura responsabile della guarigione di Hoid è sconosciuto, ma è antico[39], probabilmente proveniente da una fonte di pre-Frantumazione.

Fortuna[]

Ho scoperto un posto dove devo essere, anche se, in tutta sincerità, non sono esattamente certo del perché debba essere là. Questo non funziona come mi piacerebbe.

–Parole di Luce, capitolo 67

Hoid ha accesso a un'abilità che gli consente di utilizzare l'attributo Spirituale della Fortuna, che gli garantisce una limitata preveggenza.[40] Questa abilità gli dà una conoscenza innata di dove e quando deve essere in un luogo[40] ma senza stabilire perché e cosa e perché deve fare[41][42]. L'abilità di Hoid non è infallibile; di tanto in tanto gli indica di andare da qualche parte, ma o non sta succedendo nulla di rilevante o non è in grado di scoprire il motivo per cui è stato condotto lì.[38]

Connessione[]

Hoid ha accesso ad alcune manifestazioni di Investitura che gli permettono di manipolare l'attributo Spirituale di Connessione. La piena portata di questa capacità è sconosciuta, ma il suo uso noto principale è aiutare Hoid a parlare le varie lingue dei mondi del Cosmoverso che visita . L'abilità gli consente di connettersi a qualsiasi terra si trovi, alterando temporaneamente il suo aspetto spirituale per credere che sia cresciuto in quel luogo, permettendogli di parlare come un nativo[43] [44]. Per certi versi è simile a ciò che Dalinar compie per parlare fluentemente l'Azish[45]

Allomanzia e Feruchemia[]

Hoid ha anche ottenuto l'accesso all'Allomanzia[46], bruciando una perla di Lerasium rubata dal Pozzo dell'Ascensione.[47] Non è chiaro come si eserciti con questi poteri, ma ha usato l'allomanzia emotiva in almeno un'occasione[48][24]. Ha anche accesso all'Atium,[49] ma è noto se Hoid abbia o meno accesso alla Feruchemia.[50] . Certo è invece che l'uomo non faccia alcun uso dell' Emalurgia[28].

BioChroma e Risveglio[]

Ad un certo punto Hoid visitò Nalthis e ottenne abbastanza Soffi biocromatici per portarlo almeno alla Seconda Elevazione[51]; ciò significa che Hoid ha almeno duecento Soffi. Il livello di abilità di Hoid con il Risveglio è ancora sconosciuto, poiché lo ha usato solo a Kholinar animando una bambola per una bambina per permetterle di camminare[38].

Vincolaflussi[]

Hoid ha legato un criptico attratto da Elhokar, che gli garantirà il potere dei Vincolaflussi[38]. Mentre i riflessi potenziati e la guarigione consentiti dalla Folgoluce saranno probabilmente poco utili per Hoid, il legame Nahel gli consente di controllare i Flussi di Illuminazione e Trasformazione. Hoid potrà così Animutare e tessere illusioni. Questo tipo di Tessiluce rosharano può avere un effetto di potenziamento con il suo poteri di creare illusioni Yolish, e probabilmente gli consente di aggirare i problemi che ha sperimentato con le sue Illusioni. Sebbene gli ideali di Hoid siano sconosciuti, alla fine potrà ottenere una Stratopiastra ed una Stratolama.

Apparizioni nel Cosmere[]

Sel (Elantris e The Emperor's Soul)[]

  • Elantris - Hoid si presenta come un mendicante che aiuta Sarene a contrabbandare le armi nella città di Elantris[52].
  • Elantris - Hoid ha tentato di diventare un Elantriano ma senza successo[53]
  • The Emperor's Soul - Hoid si è infiltrato nel palazzo imperiale del Rose Empire come buffone di corte e s'impossessa - grazie all'aiuto di Shai- del Moon Scepter.

Scadrial (Mistborn)[]

  • L'Ultimo Impero -Hoid appare di nuovo come un mendicante. Viene consultato da Kelsier perché è il miglior informatore della capitale[54]
  • Il Pozzo dell'Ascensione - Hoid è l'anziano terrisiano con cui Elend discute dell'attacco subito da Terris da parte degli Inquisitoti d'Acciaio[55]
  • Il campione delle Ere - Hoid torna al suo mestiere di informatore e questa volta è Vin a doversi incontrare con lui. Tuttavia la ragazza prima di parlare con lui percepisce una spiacevole sensazione (indotta da Rovina) e rinuncia a parlargli[56].

Nalthis (il Conciliatore)[]

  • Il Conciliatore - Hoid appare nelle vesti di un cantastorie e viene assunto da Lievecanto per narrare a Siri i retroscena della storia di Hallandren[57].
  • Parole di Luce -nel corso del libro (ambientato su Roshar), Hoid fa riferimento all'orecchio assoluto, un'abilità magica di chiara origine Nalthisiana[13]

Citazioni[]

"Quelli che 'meritano' il mio scherno sono quelli che possono trarne beneficio "

— La Via dei Re, capitolo 12

"Più che sufficiente, dite? Credo che un'unica parola da parte di Sadeas sia 'più che sufficiente' per chiunque."

— La Via dei Re, capitolo 15

"Mi sono ricongiunto alla vostra comitiva appena prima della battaglia, Vostra maestà. Stavo venendo a parlare con voi, ma l'abissale mi ha preceduto. Ho sentito che la vostra conversazione con lui è stata piuttosto stimolante."

— La Via dei Re, capitolo 15

"Arguzia: Luminobile Sadeas, sono terribilmente spiacente di vedervi qui.
Sadeas:Mi viene da pensare che dovresti essere felice di vedermi. Sembra che io ti fornisca sempre un tale divertimento.
Arguzia:Questo purtroppo è vero.
Sadeas:Purtroppo?
Arguzia: Sì. Vedete, Sadeas, con voi è troppo facile. Una servetta senza istruzione, con metà cervello e in preda a una sbornia, potrebbe prendersi gioco di voi. A me non rimane alcun bisogno di sforzarmi, e la vostra stessa natura schernisce il mio scherno. Ed è così che tramite la mera stupidità, mi fate sembrare incompetente.
"

— Arguzia e Sadeas, La Via dei Re, capitolo 15

"Metto in luce le verità quando le vedo, luminobile Sadeas. Ogni uomo ha il suo ruolo. Il mio è inculcare le verità. Il vostro è inculare."

— La Via dei Re, capitolo 15

"La follia degli uomini a cui importa, Dalinar. E la genialità di quelli a cui non importa. I secondi dipendono dai primi- ma sfruttano anche i primi - mentre i primi fraintendono i secondi, sperando che i secondi siano più come i primi. E tutti i loro giochi rubano il nostro tempo. Secondo dopo secondo."

— La Via dei Re, capitolo 54

"Dalinar: Arguzia, non sono dell'umore adatto per questo, stasera. Mi spiace se non capisco dove vuoi andare a parare, ma non ho idea di cosa parli.
Arguzia: Lo so. Adonalsium.
Dalinar:Cosa?
Arguzia: Hai mai sentito questo termine, Dalinar?
Dalinar: Ado... cosa?
Arguzia: Nulla. Sciocchezze. Ciance. Farfuglioqui. Non è strano che le parole inarticolate siano spesso i suoni di altre parole, tagliati e smembrati, poi cuciti in qualcosa di simile a esse... eppure totalmente dissimile allo stesso tempo? Mi domando se si possa fare lo stesso a un uomo. Smembrarlo, emozione dopo emozione, pezzo dopo pezzo, brandello sanguinolento dopo brandello sanguinolento. Poi ricombinarli assieme in qualcos'altro, come un Dysiano Aimiano. Se mettessi assieme un uomo del genere, Dalinar, assicurati di chiamarlo Blatero, come me. O forse Blateruglio.
"

Dalinar e Arguzia, La Via dei Re, capitolo 54

"Kaladin:Dire cose disorientanti non è la stessa cosa che essere arguti.
Arguzia:Ah. Già ti dimostri più saggio di molti che ho avuto il dispiacere di conoscere di recente. Cosa vuol dire essere arguti, allora?
Kaladin: Dire cose intelligenti.
Arguzia:E cos'è l'intelligenza?
Kaladin:Io...Suppongo che sia la capacità di dire e fare le cose giuste al momento giusto.
"

Kaladin e Arguzia, La Via dei Re, capitolo 57

"Arguzia: E qual è il tuo nome, mio riflessivo pontiere?
Kaladin: Kaladin. E il vostro?
Arguzia: Io ne ho molti. Ho iniziato la mia vita come un pensiero, un concetto, parole su una pagina. Quella è stata un'altra cosa che ho rubato. Me stesso. In un altro tempo, ero chiamato come una pietra.
Kaladin: Preziosa, spero.
Arguzia: Una pietra bellissima. E che ha perso ogni valore perché io l'ho indossata.
Kaladin: Be', come vi chiamano gli uomini ora?
Arguzia: In molti modi, e solo alcuni di essi cortesi. Quasi tutti veri, purtroppo. Tu, comunque, puoi chiamarmi Hoid.
Kaladin: Il vostro nome?
Arguzia: No. Il nome di qualcuno che avrei dovuto amare. Ancora una volta, è qualcosa che ho rubato. Noi ladri lo facciamo spesso.
"

Kaladin e Arguzia, La Via dei Re, capitolo 57

"Riesci a percepirlo? Qualcosa è appena cambiato. Credo sia il suono che fa il mondo quando si piscia addosso."

— La Via dei Re, Epilogo

"Cos'è che riteniamo prezioso? Innovazione. Originalità. Novità. Ma cosa più importante... tempismo. Temo che tu sia arrivato un po' troppo tardi, mio confuso, sfortunato amico."

— La Via dei Re, Epilogo

"Non cercare di capire Arguzia, Bordin. Ti provocherai solo dolore"

Dalinar a Bordin, Parole di Luce, Interludio 7

"Tutti sono musicisti. La questione è se condividano o no le loro canzoni."

— Arguzia a Kaladin, Parole di Luce, Capitolo 55

"Adolin:Avete abbracciato Arguzia.
Shallan:È stato sconveniente?
Adolin:Qui non si tratta di moralità. Si tratta di buonsenso. Abbracciare lui è come abbracciare uno spinabianca o... una pila di chiodi o qualcosa del genere. Voglio dire, è Arguzia. Non dovrebbe piacervi.
"

Adolin e Shallan, su Arguzia, Parole di Luce, Capitolo 55

"Adolin:Giù le mani.
Hoid:È troppo giovane per me, bambino.
Adolin:Proprio così. Limitati alle donne della tua età.
Hoid:Be’, quello potrebbe risultare un po’ più difficile. Credo che ce ne sia solo una da queste parti, e lei e io non siamo mai andati d’accordo.
"

Adolin e Arguzia, Parole di Luce, Capitolo 55

"Per gloria illuminata e vita viva, per scopi non raggiunti e da conseguire. Tutti gli uomini devon tentare. Il vento capiva: è prova, è sogno"

— Parole di Luce, Capitolo 59

"Toh, luminobile Amaram. Speravo di potervi vedere stasera. Ho trascorso la mia vita a imparare come far sentire gli altri squallidi, ed è una vera gioia incontrare qualcuno dotato di un talento innato in quella capacità come voi."

— Hoid ad Amaram, Parole di Luce, Capitolo 67

"Ciò che state usando per far sembrare pulite le vostre mani, luminobile Amaram. Dev’essere roba davvero efficace."

— Hoid ad Amaram, Parole di Luce, Capitolo 67

"Non rattristatevi. È un’epoca per tiranni. Dubito che questo posto sia pronto per qualcos’altro, e un tiranno benevolo è preferibile al disastro di un governo debole. Forse, in un altro tempo e luogo, vi avrei stigmatizzato con sputo e bile. Qui, oggi, vi lodo come ciò di cui questo mondo ha bisogno."

— Hoid a Dalinar, Parole di Luce, Capitolo 67

"Sono solo un uomo, Dalinar, per quanto vorrei che a volte ciò non fosse vero. Non sono un Radioso. E sebbene sia vostro amico, vi prego di capire che i nostri obiettivi non vanno completamente di pari passo. Non dovete fidarvi di me. Se dovrò guardare questo mondo sgretolarsi e bruciare per ottenere ciò che mi occorre, lo farò. Con lacrime, sì, ma lo lascerei accadere."

— Hoid a Dalinar, Parole di Luce, Capitolo 67

"Hoid:Farò quello che posso per aiutare e, per quel motivo, devo andare. Non posso rischiare troppo, poiché se lui mi trova, diventerò nulla: un’anima lacerata e fatta a pezzi che non può essere rimessa assieme. Quello che faccio qui è più pericoloso di quanto possiate mai sapere.
Dalinar:Arguzia
Hoid: Sì?
Dalinar:Chi è che dovrebbe trovarti?
Hoid: Quello che voi combattete, Dalinar Kholin. Il padre dell’odio.
"

— Hoid e Dalinar, Parole di Luce, Capitolo 67

"Troverai Dio nello stesso posto dove troverai la salvezza da questo caos. Dentro i cuori degli uomini."

— Arguzia a Jasnah, Parole di Luce, Epilogo

Fonti[]

  1. Giuramento: Capitolo 121
  2. La Via dei Re, Interludio 1
  3. 3,0 3,1 La Via dei Re, capitolo 12
  4. 4,0 4,1 4,2 4,3 La Via dei Re: Capitolo 57
  5. La Via dei Re: Epilogo
  6. Rivelato in un Q&A di Goodreads del 2014
  7. Rivelato in una sessione firme di Chicago nel 2014
  8. Rivelato in un Q&A del 2012
  9. La Via dei Re, capitolo 15
  10. La Via dei Re, Epilogo
  11. Parole di Luce, Interludio 7
  12. Parole di Luce, capitolo 55
  13. 13,0 13,1 Parole di Luce, capitolo 59
  14. Parole di Luce, capitolo 67
  15. 15,0 15,1 Parole di Luce, epilogo
  16. Danzafilo, capitolo 12
  17. Giuramento, capitolo 81
  18. Giuramento, capitolo 68
  19. Giuramento, capitolo 82
  20. Giuramento, Epilogo
  21. Giuramento, capitolo 121
  22. Rivelato in un'intervista a Fantasy faction nel 2014
  23. Parole di Luce: Capitolo 46
  24. 24,0 24,1 Parole di Luce: Capitolo 45
  25. 25,0 25,1 Rivelato in un evento a Perth, nel 2017 Errore nelle note: Tag <ref> non valido; il nome ":4" è stato definito più volte con contenuti diversi
  26. Rivelato in una sessione firme del 2014
  27. Rivelato in una sessione firme del 2015
  28. 28,0 28,1 Rivelato nel Minicon del 2015
  29. 29,0 29,1 Rivelato in sessione firme ad Orem nel 2015
  30. Rivelato all'Emerald City comic Con del 2018
  31. Il Conciliatore: Capitolo 32
  32. Rivelato in un AMA su reddit nel 2015
  33. Rivelato in una sessione firme nel 2018
  34. Rivelato in una sessione firme a Chicago nel 2016
  35. Rivelato in un AMA su reddit nel 2013
  36. Rivelato in una sessione firme a Chicago nel 2015
  37. Rivelato nel Words of Radiance release party del 2014
  38. 38,0 38,1 38,2 38,3 Giuramento, epilogo
  39. Rivelato in una sessione firme a Chicago, nel 2018
  40. 40,0 40,1 Rivelato ne Alloy of Law release party del 2011
  41. Rivelato alla sessione firme di Fort Collins nel 2016
  42. Rivelato in una sessione firme a San Antonio nel 2016
  43. Rivelato nell'aggiornamento n°3 su Oathbringer in un forum reddit
  44. Rivelato in una discussione su reddit nel 2017
  45. Giuramento, capitolo 65
  46. Rivelato in una sessione firme ad Austin nel 2016
  47. Mistborn Secret History - parte 2, capitolo 1
  48. Rivelato in una sessione firme a Washington nel 2014
  49. Rivelato al Teen Author Boot Camp del 2015
  50. Rivelato al Teen Author Boot Camp del 2015
  51. Parole di Luce: Capitolo 59
  52. Elantris, capitolo 58
  53. Elantris (Tenth anniversary edition), Postscript
  54. L'Ultimo Impero - Capitolo 19
  55. Il Pozzo dell'Ascensione, capitolo 56
  56. Il Campione delle Ere, capitolo 27
  57. Il Conciliatore, capitolo 32

 

Worldhoppers
HoidBurberoSchiettoPensatoreZahelAzureNazhMraizeIyatilFelt


Advertisement