FANDOM


Guardiana della Notte
Seeking Forgiveness

Fan-art di Jordi Rapture (Artstation)

Status personale
Status

Vivo

Prima apparizione

Giuramento, capitolo 114

Lignaggio

Scheggia di Coltivazione

Parenti

Coltivazione (madre)

Poteri

Vecchia Magia

Caratteristiche fisiche
Razza

Spren

Sesso

femminile


La Guardiana della Notte è uno Scheggia di Coltivazione che risiede nella Valle e che pratica la Vecchia Magia.

A coloro che riescono a trovarla concede l'opportunità di esprimere un desiderio. Una volta ascoltata la richiesta la Guardiana concede quello che secondo il suo giudizio merita il visitatore; ad una benedizione tuttavia è sempre associata una maledizione.[1]

Aspetto e Personalità Modifica

La Guardiana della notte si manifesta nel Regno Fisico come una foschia verde scuro dalla forma umanoide. Dietro di se la sua essenza lascia una lunga scia, come una coda, e striscia sul terreno aiutandosi con lunghe braccia sproporzionate. L’unica parte di lei con qualche dettaglio specifico è il viso, dai tratti femminili e dagli occhi neri. Quando interagisce con le persone, minuscole mani spuntano dai lati fumosi della sua testa e si allungano verso colui che richiede il suo favore[2].

Storia Modifica

E' probabile che inizialmente la Guardiana della Notte fosse uno spren con una funzione specifica, prima che l'Investitura di Coltivazione la rendesse una sua Scheggia, un destino analogo a quanto accaduto al Folgopadre con Onore.

Secoli or sono Coltivazione concesse a sua "figlia" il compito di benedire e maledire le persone nella Valle, con la speranza che la aiutasse a comprendere meglio gli esseri umani[2]. Nel 1168 la Guardiana venne visitata da Dalinar Kholin in cerca di pace e perdono. Incapace di assecondare la sua richiesta, Coltivazione le chiese di farsi da parte osservando che quello del signore della guerra alethi era un caso speciale[2].

Galleria Modifica

Fonti Modifica

  1. La Via dei Re, Interludio 7
  2. 2,0 2,1 2,2 Giuramento, capitolo 114
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.