Le Cronache della Folgoluce Wiki
Advertisement
Le Cronache della Folgoluce Wiki

Frost e Hoid (Fan-art di Botanica-xu )

La nostra interferenza finora non ha portato altro che dolore

–Frost a Hoid, Parole di Luce, capitolo 66 - epigrafe

Frost, è il destinatario della prima lettera e l'autore della seconda lettera che compare nelle epigrafi di Parole di Luce.[1] Hoid si rivolge a lui chiamandolo "vecchio rettile"[2] e Sanderson ha confermato che Frost è un drago di Yolen[3].

Sebbene non sia un worldhopper, Frost è al corrente di molti eventi della storia del Cosmoverso . Nella sua corrispondenza con Hoid, che pare conoscere molto bene, mostra di sapere i nomi di alcuni ricettacoli di Frammenti, incluso Rayse e Bavadin e conosce perfino il loro numero esatto.

Sebbene Frost sembri concordare con la valutazione di Hoid secondo cui Odio è pericoloso, non comprende il livello di preoccupazione di Hoid. Frost lo accusa addirittura di arroganza nella sua missione e di " perpetuare il mio rancore contro Rayse e Bavadin".[2] A differenza di Hoid crede che la linea migliore da tenere contro Odio sia quello di non intervenire ed accontentarsi della sua prigionia su Braize. E' questa linea di neutralità e non intervento che ispira l'agire del Diciassettesimo Strato, un'organizzazione di worldhoppers di cui è a capo.

Fonti[]

  1. La Lettera (Parole di Luce)
  2. 2,0 2,1 La Lettera (La Via dei Re)
  3. Rivelato in una sessione firme di Arcanum Unbounded del 2016
Advertisement