Le Cronache della Folgoluce Wiki
Advertisement
Sja anat icon 3.png Attenzione! Questo articolo è stato toccato dalla mano dei Disfatti
e contiene SPOILERS su Il Ritmo della Guerra
.


Il Diario di Kalak è una documento che compare negli epigrafi di Il Ritmo della Guerra.

Contenuto[]

Parole. Un tempo ero bravo con le parole. Ero bravo in un sacco di cose[1]

C'era un tempo in cui altri si rivolgevano a me perché li aiutassi con un problema. Un tempo in cui ero risoluto. Capace. Perfino perentorio.[2]

Tale abilità, come il mio onore stesso, ora sono perdute nel tempo. Logorate, ridotte in polvere e sparpagliate ai margini del cosmoverso. Sono un essere umano simile a un albero sterile. Sono la cavità dove un tempo c'era un picco imponente.[3]

Dunque, parole. Perché parole, ora? Perché scrivo?[4]

Jezrien non c'è più. Malgrado mi trovassi lontano, qui a Integrità Durevole, sentii che veniva strappato via. Il Giuripatto era già rotto, ma la Connessione rimaneva. Ciascuno di noi può percepire gli altri, fino a un certo punto. E con ulteriori indagini, conosco la verità su ciò che gli è accaduto. Sulle prime assomigliava alla morte e penso che sia ciò che in definitiva è diventata.[5]

I cantori per prima cosa hanno messo Jezrien in una gemma. Si ritengono scaltri ad aver scoperto di poterci intrappolare in quelle. Ci hanno impiegato solo settemila anni.[6]

Oh... Padre... Settemila anni.[7]

Ricordo così poco di quei secoli. È tutto indistinto. Una macchia sulla pagina. Uno scarno tratto d'inchiostro, reso ancora più inconsistente ogni giorno che passa.[8]

Midius una volta mi disse... che potevamo usare l'Investitura... per potenziare le nostre menti, i nostri ricordi, per no dimenticare così tanto.[9]

Perché dovrei voler ricordare?[10]

Forse se ricordassi la mia vita sarei capace di essere fiducioso come un tempo. Forse smetterei di vacillare perfino quando mi trovo di fronte alle decisioni più semplici.[11]

Invece penso che, se dovessi ricordare la mia vita in dettaglio, diventerei perfino peggio. Paralizzato dalle mie azioni terribili. Non mi piacerebbe ricordare tutti coloro che ho deluso.[12]

A prescindere da tutto, ora scrivo. Perché so che stanno venendo a prendermi, come hanno fatto con Jezrien. Ci riusciranno senza dubbio, perfino qui, nella fortezza degli onorespren.[13]

E così morirò. Si, morirò. Se state leggendo questo e vi domandate cosa sia andato storto - perché la mia anima sia evaporata poco dopo essere stata presa dalla gemma del vostro coltello - allora vi definisco idioti per aver giocato con poteri che supponete soltanto di capire.[14]

Il legame è ciò che ci tiene in vita. Se viene reciso quello, ci decomporremo lentamente in anime ordinarie, senza alcuna Connessione valida al Reame Fisico o a quello Spirituale. Se catturate uno di noi con i vostri coltelli, non vi rimarrà uno spren in un barattolo, stolti. Rimarrete con un essere che prima o poi scomparirà nell'aldilà.[15]

L'ho sentito accadere a Jezrien. Pensate di averlo catturato, ma il nostro dio è Scheggiato, il nostro Giuripatto infranto. Lui si è affievolito nel corso delle settimane e ora è scomparso. Oltre la vostra portata, finalmente. Dovrei essere lieto che mi accada lo stesso. Non lo sono. Io vi temo.[16]

Comunque sia, sto scrivendo qui delle risposte per voi poiché qualcosa balugina dentro di me. Un frammento di memoria di ciò che ero un tempo. Ero lì quando Ba-Ado-Mishram fu catturata. So la verità sui Radiosi, la Ritrattazione e gli spren Nahel.[17]

Ve lo dico; ve lo scrivo. Dovete liberare la Disfatta prigioniera. Lei non svanirà come accadrà a me. Se la lasciate così com'è, resterà imprigionata per l'eternità.[18]

Come una persona che ha sofferto per numerosi secoli... come una persona che è stata spezzata... vi prego di trovare Mishram e liberarla. Non solo per il suo stesso bene, ma per quello di tutti gli spren. Poiché credo che nel tenerla reclusa, abbiamo causato a Roshar una ferita peggiore di quanto chiunque abbia mai compreso.[19]

Fonti[]

  1. Il Ritmo della Guerra, capitolo 74
  2. Il Ritmo della Guerra, capitolo 75
  3. Il Ritmo della Guerra, capitolo 76
  4. Il Ritmo della Guerra, capitolo 78
  5. Il Ritmo della Guerra, capitolo 79
  6. Il Ritmo della Guerra, capitolo 80
  7. Il Ritmo della Guerra, capitolo 82
  8. Il Ritmo della Guerra, capitolo 83
  9. Il Ritmo della Guerra, capitolo 84
  10. Il Ritmo della Guerra, capitolo 85
  11. Il Ritmo della Guerra, capitolo 87
  12. Il Ritmo della Guerra, capitolo 89
  13. Il Ritmo della Guerra, capitolo 90
  14. Il Ritmo della Guerra, capitolo 91
  15. Il Ritmo della Guerra, capitolo 92
  16. Il Ritmo della Guerra, capitolo 93
  17. Il Ritmo della Guerra, capitolo 94
  18. Il Ritmo della Guerra, capitolo 96
  19. Il Ritmo della Guerra, capitolo 97
Epigrafi
La Via dei Re Rantoli della MorteLa Lettera (La Via dei Re)Appunti di Jasnah Kholin
Parole di Luce Diario personale di Navani KholinCanti degli AscoltatoriParole di LuceLa Lettera (Parole di Luce)Il Diagramma
Giuramento GiuramentoLa prima lettera (Giuramento)La seconda lettera (Giuramento)La terza lettera (Giuramento)Archivio delle gemme di UrithiruMythica di HessiStele di Eila
Il Ritmo della Guerra Lezione di NavaniLa LetteraIl Ritmo della GuerraDiario di KalakRiflessioni di El
Advertisement