Le Cronache della Folgoluce Wiki
Advertisement
Le Cronache della Folgoluce Wiki

Una Cuorgemma di un Abissale (Opera di Jahbulani Ori)

La Cuorgemma (Gemhearth) è una gemma che si forma naturalmente all'interno di molte specie autoctone di Roshar, compresi i grangusci e i Cantori.

Origini[]

Le cuorgemme crescono spontaneamente all'interno dei corpi degli organismi rosharani, ed è il risultato del particolare ecosistema del pianeta. Essi infatti traggono i minerali necessari alla crescita della gemma dal crem in sospensione nell'acqua piovana delle altempeste[1].

Dimensioni[]

In generale più grande è l'animale, più grande è la loro cuorgemma, per questo i Grangusci hanno cuorgemme enormi. Quelle trovate all'interno degli Abissali, erano smeraldi grandi come la testa di un uomo [2].

Usi e Raccolta[]

Come ognuna delle dieci varietà di gemme, le cuorgemme possono essere infuse con Folgoluce o Nichiluce, e se messe nelle opportune condizioni possono intrappolare al loro interno uno spren. Queste proprietà permettono alle cuorgemme di avere un ruolo cruciale nel ciclo vitale della fauna rosharana e nella specie dei Cantori, dove sono alla base delle loro peculiari Forme specializzate.

Per gli umani anche le più piccole cuorgemme valgono una fortuna in quanto sono considerate le gemme migliori da usare negli Animutanti, con un tasso di rottura molto basso[3]. Le cuorgemme venivano perlopiù recuperate all'allevamento di Chull e Gemmadanti[4], anche se le più grandi erano frutto della caccia ai grangusci; è già accaduto che alcune specie di Grangusci siano state quasi estinte a causa della caccia eccessiva, come accaduto nel caso del lanceryn .

La guerra della resa dei conti tra Alethi e Parshendi fu sconvolta dalla scoperta di un granguscio nativo delle Pianure Infrante. Le due forze smisero di cercare un modo per attaccare la base avversaria e si scontrano invece per conquistare le cuorgemme. Per gli Alethu, ottenere una di quelle pietre permetteva di coprire mesi di spese per pagare e nutrire le truppe[5]. Agli Ascoltatori invece, le cuorgemme servivano per velocizzare la crescita dei raccolti[6] e sfamare così la loro gente[7].

Specie conosciute con una cuorgemma[]

Curiosità[]

  • Cuorgemma viene usato nel gergo rosharano come vezzeggiativo allo stesso modo di "dolcezza", "tesoro" o "amore"[9]

Fonti[]


Advertisement