Le Cronache della Folgoluce Wiki
Advertisement
Le Cronache della Folgoluce Wiki

Fan-art di Shuravf (Instagram)

IO CONTROLLO TUTTE LE COSE CHE POSSONO ESSERE CRESCIUTE, COLTIVATE. CIÒ INCLUDE LE SPINE.

–Coltivazione a Dalinar Kholin, Giuramento, capitolo 114

Coltivazione è uno dei sedici frammenti di Adonalsium ed una delle tre divinità conosciute su Roshar, insieme a Onore e Odio.

Intento[]

L'Intento del Frammento Coltivazione sembra essere collegato alla trasformazione e alla crescita. Secondo Odio, tutto ciò che desidera vedere è il cambiamento, indipendentemente se questo sia buono o cattivo[1].

Ospite[]

Il Frammento Coltivazione e i suoi poteri divini, sono stati raccolti e utilizzati da una donna[2] A Dalinar si presenta come una donna dalla pelle bruna, come il colore della corteccia di legnoscuro, con una corporatura matronale ed un ampio abito marrone. Al suo passaggio, viticci e i rami della piante si muovono verso di lei , mentre la stoffa del suo abito si fonde con corteccia o erba.[3]

Secondo Tanavast, Coltivazione è più abile di lui nella visione del futuro[2].

Chiama la Guardiana della Notte "figlia" e lei gli obbedisce.

Storia[]

Coltivazione e la Guardiana della Notte (Opera di Kyle Pearson Artstation)

Antichità[]

Nulla è noto del passato del ricettacolo di Coltivazione, a parte che conosceva Hoid e che i due non andavano molto d'accordo[4]. Dopo la Frantumazione lei e Onore, con cui aveva una relazione romantica[5], lasciarono Yolen, e arrivarono su Roshar, dove divennero gli dei di una specie senziente conosciuta come Albacantori. Tuttavia, in seguito all'arrivo di Odio nel sistema rosharano , i due Frammenti finirono invece per schierarsi con gli umani, i nuovi arrivati sul pianeta.

Era della Solitudine[]

Secondo Wyndle, dopo la morte di Onore, Coltivazione avrebbe perso interesse nella razza umana[6]. Eppure continua a pianificare e contrastare i piani di Odio; infatti, Coltivazione usò personalmente la Vecchia Magia in due casi. Quando garantì a Re Taravangian la capacità di salvare il mondo[7] e quando incontrò Dalinar Kholin, giunto nella Valle alla ricerca di perdono, e al quale rimosse invece i ricordi della moglie[3].

A differenza di tutti gli altri doni e maledizioni, i ricordi di Dalinar tornarono gradualmente dopo l'arrivo della Tempesta Infinita. Questo fu deliberatamente architettato da Coltivazione per dare tempo all'uomo di venire a patti con il suo passato prima che Odio cercasse di trasformarlo nel suo campione[8].

Culto[]

Coltivazione un tempo era venerata in tutta Roshar, almeno prima della caduta dei Cavalieri Radiosi[9]. Nei tempi moderni tuttavia il suo culto è limitato alle terre occidentali del continente, dove viene riverita come la Madre del Mondo[10], l'incarnazione della natura e dei suoi spren[11]. Nell'est invece viene vista come una superstizione pagana[3][9].

Fonti[]

Cosmere
Frammenti AmbizioneAutonomiaColtivazioneDevozioneDominioConcessioneOnoreOdioPreservazioneRovina
Pianeti e Luoghi Sistema rosharanoRosharAshynBraizeSistema DrominadFirst of the SunNalthisScadrialSelTaldainObrodaiTrenodiaVaxYolenSilverlight
Concetti & Termini AscensioneAdonalsiumFortunaFrantumazioneFrammentiInvestituraPerpendicolaritàScheggiaSliverOmbra CognitivaWorldhoppers
Advertisement