Le Cronache della Folgoluce Wiki
Advertisement
Le Cronache della Folgoluce Wiki
Azir
Azir 02.jpg
Capitale

Azimir

Forma di governo

Monarchia

Capo di Stato

Primo Aqasix

Sovrano

Gawx

Valuta

Sfere

Lingua

Azish

Etnie

Makabaki

Denonimo

Azish

Azir è una nazione del Roshar occidentale.

Geografia[]

Azir confina a nord con Yulay, ad ovest con Desh, a sudovest con Yezier, a sud con Tashikk e a sudest con Emul.

Il clima di Azir è più mite rispetto a quello di Alethkar ma non è caldo e afoso come quello di Iri.[1]

Città[]

  • Azimir: capitale dell'impero
  • Zawfix: una grande città al confine settentrionale, nota per avere baraccopoli all'interno di vecchie miniere.

Governo[]

Azir è un impero governato dal Primo Aqasix. Quando l'imperatore muore, i Visir, gli Arbitri e gli Scribi si riuniscono in un sacro conclave per nominare un successore: chiunque appartenga al Visirato può candidarsi, a patto di presentare gli opportuni moduli, ed eventualmente essere eletto per ricoprire il ruolo[2].

Sebbene il test sia nominalmente aperto a tutti i cittadini, è difficile e di solito richiede un'istruzione formale costosa; la maggior parte dei funzionari governativi sono quindi persone il cui status sociale era già elevato.[3]

Il governo ha sede nel Palazzo di bronzo.

Quando il Primo emette un mandato al pubblico, i cittadini hanno un mese per rendere note le loro rimostranze prima di essere costretti a conformarsi. Queste lamentele vengono spesso espresse con argomenti logici e proteste.[4] Le classi inferiori di occhiscuri hanno molti diritti tanto da poter perfino protestare e rifiutarsi di eseguire gli ordini del governo fino a quando una loro formale e protocollata protesta non venga esaminata.[4]

Azish[]

Politica[]

Azir ed il resto dell'Impero.

Azir è la più grande nazione della regione. Il suo Primo Aqasix tradizionalmente rivendica l'autorità come imperatore dell'intera Makabak ma sostanzialmente governa solo Azir.[5]

L'Impero azish, nonostante il suo nome, è più vicino per natura a una confederazione di stati. E 'composto da dieci paesi membri: Tashikk, Yezier, Liafor, Emul, Steen, Alm, Desh, Marat, Tukar e Azir stessa.

Gli altri stati Makabaki riconoscono la monarchia e seguono ancora certe tradizioni riguardo al Primo Aqasix[6], ma in realtà godono di un alto grado di autonomia.[4] Una delle tradizioni, per esempio, riguarda il fatto che i regnanti non possono sposarsi senza il permesso del Primo. In pratica, gli stati seguono tipicamente l'esempio di Azir quando si tratta di politica internazionale. Storicamente, Tashikk e Yezier sono i più vicini al trono azish.[7]

Anche se Azir non governa effettivamente l'intera regione, è comunque molto influente[5][8] godendo di una posizione di guida, formale se non propriamente sostanziale, rispetto a tutti i regni Makabaki che la circondano. Prova ne è il fatto che nessun regno occidentale voglia partecipare alla coalizione di Dalinar per affrontare l'Ultima Desolazione fino a quando Azir, per tramite dei sui Visir, non si dica disponibile a parteciparvi. A quel punto Desh, Yezier, Alm e Tashikk accettano di prenderne parte.[4]

Società[]

Gli Azish fanno parte dell'etnia Makabaki e pertanto hanno pelle scura e capelli neri.

Gli azish non dividono la loro popolazione in occhichiari e occhiscuri. Nei paesi Vorin, si ipotizza che ciò sia dovuto al fatto che non ci sono abbastanza azish dagli occhi chiari per formare una casta sociale auto-sostenibile.[9] Piuttosto, la gerarchia sociale azish si basa sull'istruzione e l'elevazione attraverso il sistema governativo burocratico. I visir e gli scribi sono tra i membri di alto rango della società. Gli scribi sono stratificati per livello e poi in cerchio, con il particolare rango della persona indicato da motivi sui loro vestiti.[10]

Gli Azish ritengono che lavorare per il governo fosse un compito molto importante, al cui confronto gli altri mestieri erano solo "discreti"[2].

Gli Azish decoravano i loro abiti e i loro oggetti con motivi intricati che avevano grande significato per loro.

Gli Azish sono orgogliosi delle loro leggi e della loro sofisticata burocrazia. Considerano gli Alethi dei bruti e sanguinari tanto da definire Dalinar come "signore della guerra" ed aspettandosi che ad Alethkar gli occhiscuri debbano semplicemente obbedire.[4]

Esercito[]

L'Impero azish ha accesso a fanti, cavalleria e flotta. Il loro esercito, sebbene più piccolo di quello di Alethkar o Jah Keved , è ancora abbastanza impressionante e le loro fortificazioni sono note come difficili da violare.[11] I soldati azish sono equipaggiati con archi, lance o asce e grandi scudi.[12][4] Sono corazzati con cotta di maglia e cappelli colorati.[4] Il loro esercito è diviso in battaglioni, che hanno sia numeri che designazioni di nomi, come Rosso e Oro per il Tredicesimo Battaglione. Un singolo battaglione è composto da circa mille soldati.[11][13]

Poco si sa della loro cavalleria. Le unità sono guidate da ufficiali chiamati signori di cavalleria, che indossano uniformi con pantaloni rosso vivo.[14]

Gli azish non mantengono una flotta di navi, poiché sono un paese senza sbocco sul mare. Tuttavia, Tashikk ha un certo numero di navi che sono equipaggiate parzialmente da truppe azish e quindi servono l'Impero nel suo insieme. Sembra che non ci siano battaglioni dedicati interamente al servizio di bordo; piuttosto, i battaglioni selezionati ruotano alcuni dei loro soldati dentro e fuori dalla marina.[15]

In tempo di pace, il dovere della flotta è di pattugliare "la grande via d'acqua" non specificata che può corrispondere al fiume tra Azir e Emul ma sono in grado di ulteriori escursioni, fino a Thaylenah.[15] La flotta possiede sia navi da guerra più piccole, chiamate esploratori, sia navi da guerra più grandi, tra cui porta truppe.[16] Il Primo Aqasix ha la sua nave dedicata, più piccola delle unità della marina.[10]

I generali azish indossano abiti e tipici cappelli occidentali. La posizione richiede il superamento di una serie di test e Dalinar teorizza che gli ufficiali con esperienza pratica tendono a fallire apposta in modo che possano mantenere il comando sul campo. I leader militari azish hanno una cattiva reputazione ad Alethkar e sono considerati poco più che storici e teorici militari. Tuttavia, i generali sono in realtà persone molto pratiche e il loro consiglio è solitamente astuto.[15][9] Dalinar è sorpreso di apprendere che hanno abilità nella strategia militare.[15]

Fabrial, animutanti e strati[]

Azir è noto per avere pochissimi animutanti, il più famoso dei quali ha la capacità di animutare il bronzo.[4] Molti edifici ad Azimir hanno cupole di bronzo e il palazzo del Primo ha anche alberi decorativi in ​​bronzo animutati.[2] Il paese ha anche diversi Strati. Non si sa quanti di loro ci siano o chi li maneggi, ma possono essere prestati agli stati membri dell'Impero per vari servizi. La città di Yeddaw a Tashikk è stata creata usando Strati imperiali.[17]

Storia[]

Non si sa molto dell'antica storia di Azir. Durante l'era dei Regni Argentei, faceva parte di Makabakam, e probabilmente Azimir ne era la capitale, poiché ospitava una Giuriporta.[4] Ad un certo punto, quel paese si è frantumato in dozzine di stati che compongono il moderno Makabak, incluso Azir.

Circa cinquecento anni fa Sadees il Creasole, il famigerato Re Alethi, invase Azir come parte del suo tentativo di conquistare l'intero continente durante il regno del Primo Aqasix Snoxil. L'occupazione fu estremamente violenta: morì fino al 10% della popolazione del paese, molti dei quali a causa di Sadees che apparentemente cercavano di sradicare gli azish.

Dopo la morte di Sadees gli Azish riconquistarono la loro indipendenza.

Nei secoli successivi alla conquista di Sadees, Azir assunse la posizione di centro culturale e politico Makabaki.

Anni recenti[]

La pace dell'impero è stata interrotta nell'ultimo anno dell'Era della Solitudine, quando l'Assassino in Bianco ha ucciso due Primi consecutivamente, lasciando il paese in una crisi di successione poiché tutti i potenziali candidati hanno tentato in ogni modo di essere nominati per la posizione. Questa crisi si concluse la notte in cui un gruppo di ladri, tra cui Lift e Gawx, tentò di rapinare il Palazzo di Bronzo. L'apparente "resurrezione" di Gawx, per i cortigiani riuniti, ignari del coinvolgimento di Lift, rappresentò un miracolo che dimostrava che proprio il ladruncolo era il Primo che stavano cercando. Così, è stato incoronato come Yanagawn il Primo.[2]

L'Ultima Desolazione[]

All'avvento del'Ultima Desolazione Azir viene colpita in maniera minore rispetto a nazioni come Thaylenah e la capitale Azimir soffre danni solo marginali. Tuttavia il risveglio dei Parshi causa una profonda crisi di manodopera specialmente nelle campagne. Questo obbliga il governo a prendere misure drastiche come obbligare la popolazione cittadina della capitale a recarsi nelle compagne al fine di raccogliere i campi. Questi provvedimenti innescano proteste fra la popolazione.[4]

Inizialmente i Parshi, seguirono l'esempio dei loro ex padroni burocratici: invece di andare in guerra con il governo, gli fecero causa per un compenso arretrato. Gli azish iniziarono i negoziati, sebbene non avessero intenzione di arrendersi, piuttosto cercarono di guadagnare abbastanza tempo per fortificare le loro città.[5]

Allo stesso tempo, Azimir stava scambiando messaggi con la coalizione in erba di Dalinar Kholin a Urithiru.[5] Con le conquiste di Sadees ancora un brutto ricordo, gli Azish inizialmente non erano disposti a sbloccare la loro Giuriporta o consentire agli eserciti Alethi di entrare nella loro città.[18] Tuttavia, dopo che i colloqui con i Cantori fallirono, alla fine accettarono e finirono per unirsi alla coalizione.[19] Il fallimento con i cantori potrebbe essere stato influenzato dall'arrivo dei Coalescenti, che li organizzò in un esercito e li portò a sud, a Marat, in preparazione dell'attacco a Thaylen City.[11]

Quando i leader della coalizione presumevano che i Nichiliferi avrebbero attaccato Jah Keved, gli Azish accettarono di inviare lì cinque battaglioni delle loro truppe per aiutare a respingere l'attacco.[13] Più tardi, quando Thaylen fu individuata come il vero sito di battaglia, spostarono la loro flotta sulle coste vicine per intercettare le forze dei Nichiliferi.[16] Tuttavia, in seguito alla traduzione della Stele di Eila e alle rivelazioni che ha provocato, gli Azish si ritirarono, insieme alle loro navi. La loro determinazione ad abbandonare gli altri fu rafforzata quando pensarono che gli Alethi (in realtà l'esercito del principato di Sadeas sotto l'influenza di Nergaoul) attaccare Thaylen.[10]

Dopo la battaglia, Dalinar spiegò loro tramite distacanna cosa era realmente accaduto. Gli azish erano disposti a rinegoziare la loro partecipazione all'alleanza a condizione che Dalinar fosse in grado di dimostrare che poteva controllare le sue truppe.[7]

Fonti[]

Galleria[]

Luoghi di Roshar
Regni e Nazioni Terre gelideAlethkarHerdazThaylenahJah KevedTu BaylaTriaxTu FalliaHexi MaggioreMaratTukarEmulAzirYulayMarabethiaBabatharnamDeshYezierAlmTashikkLiaforSteenAimiaShinovarIriRiraIsole Reshi
Regioni e Territori Picchi dei MangiacornoMonti del CreasoleAkannyColline IndipendentiPurolagoMare ReshiPianure InfranteLa Valle
Città e villaggi AzimirAkinahCripte BasseNuova NatananFolgosedeKharbranthHearthstoneRathalasRevolarKholinarVedenarThaylenSesemalex DarUrithiru
Advertisement